Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/592

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 592

../591 ../593 IncludiIntestazione 11 novembre 2012 100% Da definire

591 593


[p. 80 modifica] ita cum suo misceat, ut efficiat paene unum ex duobus? Cicerone Laelius sive de amicitia, cap. 21, fine.


*    Della nostra naturale inclinazione di partecipare agli altri le nostre alquanto straordinarie sensazioni o piacevoli o dispiacevoli, Vedi un luogo insigne di Cicerone (Laelius sive de amicitia, tutto il c. 23), il qual passo, io credo che sia stata la prima fonte di questa osservazione, tanto familiare e nota ai moderni (31 gennaio 1821).


*    Cicerone, Laelius sive de amicitia cap. 11: Quod si rectum statuerimus, vel concedere amicis, quidquid velint, vel impetrare ab iis, quidquid velimus, perfecta quidem sapientia simus, si nihil habeat res vitii, sed loquimur de iis amicis, qui ante oculos sunt, quos videmus, aut de quibus memoriam accepimus, aut quos novit vita communis. Leggi si perfecta quidem sapientia simus, nihil haveatb res vitii, come richiede evidentemente il senso, che altrimenti zoppica, e sibi non constat (31 gennaio 1821). [p. 81 modifica]


*    Communicare per particeps fieri, essere, o venire a parte, del qual significato il Forcellini