Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/92

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 92

../91 ../93 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

91 93

[p. 201 modifica] cosí vario pare immutabile a quelli che non vedono se non una sola via, una sola maniera di contenersi di pensare e operare, una sola sorta di avvenimenti, e come questi dovrebbero o pare a loro che dovrebbero accadere. E questo timore del destino si trova in conseguenza piú o meno anche negli spiriti mediocri, o puramente ragionevoli e filosofici ec. quando provano qualche desiderio o mirano a qualche fine in modo che divengano immobili intorno a quel punto. Vedi Staël, Corinne l. 13, ch. 4, p. 306, t. II, edizione citata poco sopra. L’illusione che ho detto si può in qualche modo paragonare a quella che noi proviamo credendo la terra immobile perché noi siam fermi su [p. 202 modifica]di lei, quantunque ella giri e voli rapidissimamente. E già si sa che anche nei magnanimi ella è piú viva e presente, secondo che essi si trovano in circostanze di desiderii e mire piú vive, determinate e focose, forti, ferme ec. nelle grandi passioni ec.


*   La società francese la quale fa che «l’esprit naturel se tourne en épigrammes plutôt qu’en poésie» dice la Staël (vedi la Corinne, liv.15, ch. 9, p. 80, t. III, edizione citata da me alla pag. 87), rende ancora epigrammatica tutta la loro scrittura, ed abituati come sono a dare a tutti i loro detti nella conversazione une tournure che li renda gradevoli, un’aria di novità, una grazia ascitizia, un garbo procurato ec., ponendosi a scrivere, e stimando naturalmente che la scrittura non li disobblighi da quello a cui gli obbliga la raffinatezza della conversazione (naturale nel paese dove lo spirito di società è cosí grande, anzi è l’anima e lo scopo e il tutto della vita), e per lo contrario credendo che quest’obbligo sia maggiore nello scrivere che nel parlare (e con ragione, avuto riguardo al gusto de’ lettori nazionali che altrimenti li disprezzerebbero), si abbandonano a quello stesso studio che adoprano nella conversazione per renderla aggradevole e piccante ec.; e però il loro stile è cosí diverso da