Pescatori d'Islanda/Parte IV/Capitolo I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo I

../../Parte IV ../Capitolo II IncludiIntestazione 30 luglio 2017 75% Da definire

Pierre Loti - Pescatori d'Islanda (1886)
Traduzione dal francese di Carlo De Flaviis (1911)
Capitolo I
Parte IV Parte IV - Capitolo II
[p. 117 modifica]

Capitolo Primo.


Gl’innamorati amano sedersi, sul cader del giorno, sui banchi avanti le loro porte.

Yann e Gaud facevano anche essi così. Ogni sera davanti la casa dei Moan, sul vecchio banco di granito, sedevano guardandosi appassionatamente negli occhi.

Altri innamorati hanno la primavera, l’ombra degli alberi, le tiepide serate ed i rosai fioriti. Essi non avevano che dei crepuscoli di febbraio discendenti su un paese marino tutto ginestre, e pietre. Nessun ramo di verdura al di sopra delle loro teste, nè all’intorno, niente altro che il cielo immenso, dove passavano lentamente delle nebbie erranti. E per fiori, delle alghe brune, che i pescatori, risalendo dalla spiaggia, avevano trascinato nella strada, con le loro canne.

Gl’inverni non sono rigidi in quella regione tepida; ma quei crepuscoli portano egualmente l’umidità ghiacciata e impercettibili piccole piogge che si posavano sulle loro spalle.

Essi non si muovevano, trovandosi tanto bene là. E quel banco, che aveva più di un secolo, non si meravigliava del loro amore, avendone visti tanti; ne aveva sentito di parole dolci, uscire, sempre le stesse, di generazione, in generazione, dalla bocca dei giovani, ed era abituato a vederli più tardi cambiati in vecchi tremolanti, sedersi allo stesso posto ma solamente per respirare un poco di aria e riscaldarsi al sole.... [p. 118 modifica]Di tanto in tanto la nonna Yvonne metteva la testa fuori della porta per guardarli, non perchè fosse inquieta di ciò che potessero fare, ma solamente per affetto, e per il piacere di vederli, qualche volta anche per farli rientrare. Ed allora diceva:

— Fanciulli miei, voi avrete freddo, badate bene che prenderete un malanno. Dio mio, restare al freddo fino a quest’ora; non vi sembra una pazzia?

Freddo!... E avevano freddo essi? E avevano coscienza di qualche altra cosa se non della felicità, di essere vicini l’uno all’altra?

Le persone che passavano la sera, sentivano un leggiero mormorio di due voci, confuso al rumore del mare ai piedi delle scogliere. Era una vocina molto armoniosa: la voce fresca di Gaud si alternava con quella di Yann che aveva delle sonorità dolci e carezzanti nelle sue note gravi. Sul granito del muro a cui erano addossati, si distinguevano le loro figure; prima la cuffia bianca di Gaud, poi tutta la sua forma snella nel vestito nero e, al suo fianco, le spalle robuste di Yann: al disopra di essi la cupola nera del loro tetto di paglia e dietro tutto ciò, gl’infiniti crepuscoli, il vuoto singolare delle acque e del cielo...

Essi finivano per rientrare e sedere presso il camino, e la vecchia Yvonne, addormentata, non annoiava quei due giovani che si amavano tanto. E ricominciavano a parlare a voce bassa. Dovendo rifarsi di quei due anni di silenzio, avevano bisogno di affrettarsi dal momento che la loro felicità doveva durare così poco.

Era stato deciso che abiterebbero con la nonna Yvonne la quale per testamento, avrebbe dato loro la sua capanna; per il momento non vi avrebbero fatto alcun aggiusto, per mancanza di tempo, ma al ritorno dall’Islanda avrebbero abbellito quel povero nido di pescatori così desolato. [p. 119 modifica]