Pierino Porcospino/La storia della minestra di Gasparino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La storia della minestra di Gasparino

../La storia del bambino che si succhia i pollici ../La storia di Filippo che si dondola IncludiIntestazione 02 maggio 2009 75% Romanzi

Heinrich Hoffmann - Pierino Porcospino (1844)
Traduzione dal tedesco di Gaetano Negri (1882)
La storia della minestra di Gasparino
La storia del bambino che si succhia i pollici La storia di Filippo che si dondola
H Hoffmann Struwwel 18.jpg


Gasparino era un bamboccio
Assai florido e grassoccio.
gli avea fresca la guancia,
E ben tonda avea la pancia.
Si mangiava ogni mattina
Con piacer la minestrina.
Ma un bel giorno, cominciò
A gridar: «Io non la vo’!
No, no, no,
La minestra, io non la vo’!»


Dopo un giorno Gasparino
S’era fatto magrolino.
Ma a gridar ricominciò:
«La minestra, non la vo’!
No, no, no.
La minestra, io non la vo’!»


Gasparino, il dì seguente,
Diventato è trasparente.
Ma ostinato ancor gridò:
«La minestra più non vo’!
No, no, no,
La minestra più non vo’!»


Ecco il quarto dì venuto!
Gasparino è sì sparuto,
Che in piè reggersi non sa,
E davvero fa pietà.
Pesa men d’un moscerino
L’infelice Gasparino!

Quattro giorni ha digiunato,
Ed al quinto è già spacciato!
Qual pietra sepolcrale ha una zuppiera,
Eppur sì vispo e sì leggiadro egli era!!