Poesie (Eminescu)/XI. La speranza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XI. La speranza

../X. L’amore di un marmo ../XII. I misteri della notte IncludiIntestazione 19 giugno 2018 100% Da definire

Mihai Eminescu - Poesie (1927)
Traduzione di Ramiro Ortiz (1927)
XI. La speranza
X. L’amore di un marmo XII. I misteri della notte
[p. 15 modifica]

XI.

LA SPERANZA.


Come dolcemente carezza, come leggiera conforta
la speranza il cuor dei mortali!
Tristezza, dolore e lagrime, amore,
trovano asilo sul seno suo pietoso
5e si dissolvono come per l’aquilone le nubi.

[p. 16 modifica]


Come il pellegrino errante tra i monti
per l’ombra del bosco fitto
al debole lume che vede risplendere
corre come spinto dal vento
10ed esce dalla notte del bosco;

così la speranza, col luccichio lieve
del debole suo lume morente,
anima ancora una volta il piede tremante,
che dimentica la soma, dimentica l’uragano
15e dovunque lo vede si slancia.

A chi in prigione piange amaramente
e maledice al cielo e alla sorte,
mette un limite al nero dolore,
facendogli apparire in nera veste lunga
20la paranimfa del mondo - la morte.

Ed alla madre, che stringe il bambinello al seno,
piena lo sguardo di lagrime
nel veder come i genii della morte si curvano
sulla fronte infantile con tormenti e spasimi,
25la speranza allevia il dolore.

Poi che il sorriso di lei pieno di grazia
vede, e dimentica il pericolo grave;
più dolce allora si piega sul seno di giglio,
e gli ombreggia il viso colle chiome d’ebano,
30più forte stringendolo al petto.

Così i marinari che percorrono il mare
sballottati dai flutti, dalle tempeste,
dall’uragano gelido e ululante,
sperando, dimenticano il vento
35e aspettano un tempo migliore.

Così, morendo, i virtuosi non disperano,
chè la speranza rasserena loro la fronte,
speranza dolce di ricompensa in cielo,
che fa lor dimenticare della morte lo strazio
40e chiude in pace le pàlpebre.

[p. 17 modifica]


Come dolcemente carezza, come leggiera conforta
la speranza il cuor dei mortali!
Tristezza, dolore e lagrime, amore,
trovano asilo sul seno suo pietoso
45e si dissolvono come per l’aquilone le nubi!