Poesie italiane/Per la M.R. Madre Suor Marianna Geltrude Bevilacqua

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Per la M.R. Madre Suor Mariana Geltrude Bevilacqua che professa la regola benedettina

../Per la contessa Stella de' Medici ../Per l'illustre donzella Signora Elisabetta Albertini IncludiIntestazione 31 marzo 2012 100% Sonetti

Per la M.R. Madre Suor Mariana Geltrude Bevilacqua che professa la regola benedettina
Per la contessa Stella de' Medici Per l'illustre donzella Signora Elisabetta Albertini
[p. 54 modifica]

per la m.r. madre

suor marianna geltrude bevilacqua

che professa la regola benedettina


*

Sì tosto che di sè prese contezza
L’anima mia, che in questo vel s’avvolse,
Quanto de l’ignoranza ella si dolse,
4Che sì le offende la natía bellezza!

     Quindi non ebbe mai d’altro vaghezza
Che di savere, e a quel tutta si volse:
Nè, come suole, cura indi la tolse
8Di ciò che ’l mondo più ama, ed apprezza.

     Ma il cercò, lasso, e non seppe in qual parte;
Che, come a Dio l’uom piaccia, non s’apprende
11Ne le Romane, e ne le Greche carte.

     Ed oh quanto di me più vede, e intende
La Giovinetta, che colà in disparte
14Infosca l’ombra de le bianche bende!