Poesie scelte in dialetto potentino/XIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XIX. Fra il poeta e la sorte

../XVIII ../XX IncludiIntestazione 10 aprile 2020 100% Da definire

XVIII XX
[p. 38 modifica]

XIX.


Fra il poeta e la sorte


     Vurria savè da ti, sorta scurara,
Chi ha fatto piglia l’azzuopp’a li colosse. 1
Fosse sta la mmiria?
Li male gente, la rrabbia, lu traremente?
— Niente — E’ stà la perfìria?
O clamore de popolo, crer’io,
Ca è sentenzia di Dio?
E’ sta l’abuso, o la terannia? — O via! —
— La ngiustizia, lu male fatto
Li veleni, lu Santo Ufficio? — Nient’affatto —
E’ stà lu doi decembre? o questa verrà?
L’innulgenzie, e li scommunee terra terra? —
                         — Niente di tutto questo!
— Dunca se po savè che cànchero è stà
Ca tutti e doi de botta l’ha sfrattà? —
                              — L’infallibilità. —
 

Note

  1. Li colosse: Pio IX e Napoleone III.