Poesie varie (Pascoli)/1882-1895/L’amorosa giornata

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../La gatta

../All’Ida donandole viole e miosotidi campestri IncludiIntestazione 7 novembre 2012 100% Poesie

1882-1895 - La gatta 1882-1895 - All’Ida donandole viole e miosotidi campestri
[p. 88 modifica]
L’AMOROSA GIORNATA



     Quando trovai ne’ miei pensier presente
il tuo viso e le lunghe fila bionde,
3scoteva il vento l’ombre gemebonde:

or già tace la notte; e l’ombre intente
ansano appena, e l’ampia terra desta
6di luce strana sembra che si vesta.

Roca la squilla odo sonare a festa;
e l’alba trema, mentre incerta sale
9sul candido silenzio universale.


*


     Tra i fior nascenti indugi il passo, quale
fata dopo l’incanto al sol s’appresta
12spargere il raggio della bionda testa.

[p. 89 modifica]


Un ronzìo d’api, lievi frulli d’ale
odo, e sussurro di ruscel corrente
15nel meriggio tranquillo e rilucente.

Volge il mio cuore a te, fata piacente;
e so che un bel sorriso gli risponde
18di là, tra il verde delle nuove fronde.


*


     E le rondini zillano alle gronde
di qua, di là, vertiginosamente:
21anche noi si cinguetta al sol cadente.

Al sol, che ne’ tuoi puri occhi s’infonde,
luce sottentra, che nel ciel d’opale
24sparge un immenso biancheggiar nivale.

Chi nel cielo, cui corre il maestrale,
il lento oblìo, l’opaca notte arresta?
27Canta l’inconsapevole foresta.


*


     Or che notturna infuria la tempesta,
felice ascolto l’equinozïale
30pioggia strosciare, assidua, lenta, eguale:

[p. 90 modifica]


chè a fuggevoli baci il tuon ridesta
sovente le tue labbra fremebonde;
33gli occhi no, che il guancial timidi asconde.

Muove il tuo cuore quasi in rapid’onde;
poi si appisola e dorme dolcemente,
36sì che il mio che lo culla appena il sente.

Massa, 1885.