Primo vere/Libro primo/Ai bagni

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Ex imo corde

../Alba d'estate IncludiIntestazione 25 ottobre 2015 75% Da definire

Libro primo - Ex imo corde Libro primo - Alba d'estate


Con tenue murmure l'Adria velivolo
da 'l lido torrido di fulve sabbie
lunge lunge sfumava
in un colore glauco.

5Sovra le candide tende che ascondono
a li occhi cupidi l'ignude veneri
con un sorriso d'oro
da 'l ciel guardava Apolline:

e su pe' vitrei flutti fremeano
10risate amabili, vocine tremule,
ed i piedini bianchi
ad ora ad or mostravansi...

Fra i larghi lintei scossi da l'aure
intravedeansi candori nivei:
15sol le fanciulle ardite
fuor de' coperti usciano.

E c'era Dàlia ne 'l velo roseo,
c'era Valeria da 'l viso pallido,
c'era Lille la bruna,
20Ida, Matilde, Giulia...

Ma tua, mia Lilia, fra quel femmineo
stuolo tutt'ilare scherzavi, e nitido
parevi astro che asconda
l'altre luci co 'l raggio.

25Com'eri splendida!... Le trecce madide,
a' nodi indocili, cadean su gli omeri:
da la negletta veste
bianche beltà sfuggivano.

I risi e gl'incliti vezzi di Venere
30da li occhi ceruli ti traluceano:
melodïosi accenti
da' tuoi labbri volavano...

Ed ora un piccolo grido di gioia
mettevi, e rapide l'altre accorrevano,
35e tu mostravi ad esse
una bella conchiglia.

Ed or gli aligeri che s'inseguiano
pe 'l sereno aere guatavi: od ilare
palma battevi a palma
40verso le cimbe ondivaghe...

Tal pe 'l fluttisono mare la cipria
Diva e le Grazie lievi scorreano:
un profumo d'elisie
rose molcea quell'aure:

45e l'occhi-glauche figlie di Dòride
a stuol seguivano l'aurëo cocchio,
spargendo intorno perle
lucenti e alati cantici...

Ma io con estasi dolce guardàvati,
50e un foco ardeami le vene e l'anima,
e da quel dì t'amai,
o mia divina Lilia.

Soave effluvio mi parve l'aere;
la terra parvemi fiorenti e giovine;
55l'acque intorno frementi
e mi parvero musiche.