Primo vere/Libro primo/Sera d'estate

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../A Firenze

../Febbre IncludiIntestazione 20 maggio 2016 75% Da definire

Libro primo - A Firenze Libro primo - Febbre

SU 'L «LUNGARNO NUOVO» A FIRENZE

A Cesare Fontana.



Surge ne 'l vespero bruno tra gli alberi
Fiorenza, e placida riguarda il limpido
fiume che si dilegua
ed i colli di Fiesole.

5Sale ne 'l perleo cielo e rifolgora
con raggio candido l'astro di Venere,
e li effluvî de' fiori
per le fresc'aure volano.

Le case s'alzano bigie nell'aria
10belle di splendide loggie marmoree:
lunghesso l'Arno in fila
i fanali scintillano.

S'odono garruli risi di femmine:
intorno gl'ilari monelli ruzzano:
15ne le frequenti piazze
suonano allegre musiche.

Passano in rapidi cocchi e dileguansi
le beltà pallide da 'l guardo languido
con onde di profumi,
20svegliando disii fervidi;

passano: e i rigidi cocchier, mirabili
per aureo fregio, la frusta schioccano
girando attorno gli occhi
con posa aristocratica...

25 Qua e là le facili modiste ridono
forte e saettano co' sguardi tremuli
gli smilzi damerini
da l'occhialetto lucido:

gli amanti cercansi con ansia vigile
30scambiando trepide spinte ne 'l gomito:
colori e visi rosei
gaiamente si mescolano.

E l'Arno frangesi con risa e strepiti,
con pianti e gemiti a i ponti immobili:
35spiran ne l'aria ebrezze
di desiderii e musiche...

O bionda Lilia, come sei fulgida!
come ti brillano quegli occhi ceruli!
come hai dolce il sorriso!...
40 Ti sei vista allo specchio?

Vaghi ti cadono su 'l fronte i riccioli,
su 'l labbro tremola un desiderio...
Ah! così non guardarmi!...
Il tuo sguardo m'affascina.

45 Dammi la candida mano: abbandònati
qui su 'l mio braccio: parliam di gioie...
Non senti?... Tutta l'aria
è una melòde e un balsamo.