Primo vere/Libro quarto/Lontananza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../A un tale

Primo vere/Studii a guazzo IncludiIntestazione 20 maggio 2016 75% Da definire

Libro quarto - A un tale Studii a guazzo

NOVEMBRE



Là, dietro i monti che invitti s’ergono
a ’l ciel coperti d’un candido manto,
c’è la mia valle fertile,
c’è il mio bel Camposanto.

5— Mamma, guardando cader le foglie
e poi co ’l vento volarsene via,
senti anche tu ne l’anima
gemerti un’elegia?…

O ricamando pe ’l babbo un fregio
10di seta e d’oro su di una berretta,
soavemente moduli
la romanza diletta?

Mamma, che fai? — Passan due nuvole
da ’l sol che cade sfumate di rosa;
15passan de’ neri aligeri
in schiera silenziosa…

— Mie meste nubi, miei muti aligeri,
a voi confido lo strazio del cuore:
deh recate a quell’angelo
20tutto il mio santo amore!… —