Primo vere/Studii a guazzo/Philomela

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Primo vere/Libro quarto

../Nevicata IncludiIntestazione 20 maggio 2016 75% Da definire

Libro quarto Studii a guazzo - Nevicata

A F. Paolo Michetti
PHILOMELA
RICORDI DELL'ADRIATICO



E va e va cantando la libera figlia de ’l mare,
cantando nel meriggio tranquillo de ’l gran Messidoro
va: esultano i flutti d’intorno a la barca sottile
con murmuri e susurri che paion preludii d’orchestra,
5che paion sinfonie tremulanti di vïolini,
molli, carezzevoli, languenti lontano lontano.
Va la barca sottile con piccole vele in bell’arco,
vele candide candide arrise da l’aureo sole
va dolcemente; una ebrezza d’azzurro divina
10brilla in giro; là in alto dïafana molle qual velo
una nuvola naviga anch’essa sospinta da ’l vento,
e par che rida e pare che dica ridendo: — O sorella
vela, a noi gl’infiniti imperii de l’aureo sole
e gli aliti suavi di Zefiro a noi, fin che sciolta
15io ne ’l grembo fecondo di Gëa fluisca e tu scenda
ne li abissi nettunii tra l’alghe e i coralli a dormire.
Via, o vela sorella, voliamo voliamo voliamo!… —
E va e va la libera figlia de ’l mare cantando,
va: le lucide chiome corvine a’ spilloni ribelli
20a lei ingombrano il collo d’Iddia e la vergine fronte
e i begli occhi sereni; a lei il seno fiorente ne ’l busto
purpurëo compresso più bello risalta e procace.
Va cantando, cantando a le placide brezze marine
con trilli di lodola, con gorgheggi di rusignolo,
25e rispondon le rondini in cielo a caterve passando
ed i flutti che paion travolger pagliuzze d’argento,
da’ grandi olmi lontani rispondon le rauche cicale
e le spiagge risonan giù giù tutte gialle di sole.
Va ella cullandosi in fantasmi beati d’amore
30ne la festa sublime de l’alma Natura, e sorride
e canta: canta gl’inni armonïosi di giovinezza,
inni di gioia canta la libera figlia de ’l mare.