Prose e poesie bellunesi 2008/Na docia freda

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Adeodato Piazza Nicolai

Na docia freda. ../26 ../28 IncludiIntestazione 27 febbraio 2016 50% Da definire

26 28

ADEODATO PIAZZA NICOLAI (1944)

Na docia freda.


Tante dis che i dialete é destinade a morì come ciamorze malade su le crode e come l orso e l martorel nte l bosco Cussì Darwin avea reson: solo i pi forte soravive; pian pian anche l on sparirà e solo i robot se parlarà tra dei vuore na lenga conputerizada che forse nissun sarà pi bon de capì. Che bel futuro par i nostre tosate, senza bisuoi de comunicà: fraca n boton e duto é pronto par fei damagnà, par fei l amor senza gnanche na careza. No val la pena dì na preghiera cuanche nissun te scolta. Meo feisse na docia freda canbiasse le braghe, dì n giro pai bar, calchedun forse te ofre na palanca. Ma no l é dito che chesto sea l unico modo de fèi, se no perdon i nostre dialete fra zento ane se podarà ncora capisse n tin.

Padova, 31 marzo 2008

(Vigo)