R.D. 18 gennaio 1877, n. 3644

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Regno d'Italia

1877 R diritto diritto R.D. 18 gennaio 1877, n. 3644 Intestazione 3 maggio 2013 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
G.U. di pubblicazione: 2 febbraio 1877, n. 27



VITTORIO EMANUELE

PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTÀ DELLA NAZIONE

RE D’ITALIA


Sulla proposta del Nostro Ministro Segretario di Stato per gli affari dell’Interno,

Vedute le deliberazioni del Consiglio comunale di Lodi in data 9 ottobre 1874 e 21 novembre 1875;

Vedute le deliberazioni dei Consigli comunali dei Chiosi Uniti con Bottedo e dei Chiosi d’Adda con Vigadore in data 25 ottobre e 29 dicembre 1874, 27 e 28 maggio 1875 e 2 e 3 aprile 1876;

Vedute le deliberazioni del Consiglio provinciale di Milano in data 4 aprile 1875 e 15 febbraio 1876;

Sentito il parere del Consiglio di Stato;

Veduto l’art. 14 della legge comunale e provinciale 20 marzo 1865, allegato A;

Veduta la legge 29 giugno 1875, n. 2612,

Abbiamo decretato e decretiamo:

Art. 1.

A cominciare dal 1° aprile 1877 il territorio esterno del comune murato di Lodi è ampliato mediante l’aggregazione dei due comuni contermini Chiosi Uniti con Bottedo e Chiosi d’Adda con Vigadore, i quali rimangono soppressi, continuando però a tener separate le rendite patrimoniali, le passività e spese indicate nell’ultimo paragrafo dell’art. 13 della citata legge comunale e provinciale.

Art. 2.

Fino alla costituzione del nuovo Consiglio comunale di Lodi, a cui si procederà entro il mese di marzo 1877 in base alle liste elettorali debitamente riformate giusta le prescrizioni della legge comunale, le attuali rappresentanze dei tre comuni continueranno nell’esercizio delle loro attribuzioni, astenendosi però dal prendere deliberazioni che possano vincolare l’azione del futuro Consiglio.

Ordiniamo che il presente decseto, munito del sigillo dello Stato, sia inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d’Italia, mandando a chiunque spetti di omervarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addì 18 gennaio 1877.

VITTORIO EMANUELE.

G. NICOTERA.