Ramuscello

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mario Rapisardi

1897 R Indice:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu Letteratura Ramuscello Intestazione 20 ottobre 2019 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta L'Empedocle ed altri versi

[p. 255 modifica]


RAMUSCELLO



Ramuscello di pruno abbandonato
     Là sul petroso muricciol dell’orto,
     Privo d’ogni cultura, al verno ingrato,
     Del suo verde si spoglia, e sembra morto;

Ma da un’intima forza alimentato,
     Tenacemente al natio sasso attorto,
     Dura così, che dell’aprile al fiato
     Ecco i tralci rinnova, ecco è risorto.

Tal io, che spento d’ogni gioja e stanco
     Altro che morte non vedeami intorno,
     E il cor n’avea già freddo e il volto bianco,

A’ tuoi detti, a’ tuoi baci (oh fausto giorno
     Che consentisti di venirmi a fianco!)
     Per incanto d’amor giovane torno.