Rime (Angiolieri)/LXXXVII - Tre cose solamente mi so 'n grado

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
LXXXVII - Tre cose solamente mi so ’n grado

../LXXXVI - S’i’ fosse foco, arderei ’l mondo ../LXXXVIII - Qual è senza danari ’nnamorato IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
LXXXVII - Tre cose solamente mi so ’n grado
LXXXVI - S’i’ fosse foco, arderei ’l mondo LXXXVIII - Qual è senza danari ’nnamorato

 
     Tre cose solamente mi so ’n grado, 
le quali posso non ben men fornire: 
ciò è la donna, la taverna e ’l dado; 
queste mi fanno ’l cuor lieto sentire. 
     5Ma sì me le conven usar di rado, 
ché la mie borsa mi mett’al mentire; 
e quando mi sovvien, tutto mi sbrado, 
ch’i’ perdo per moneta ’l mie disire. 
     E dico: – Dato li sia d’una lancia! – 
10Ciò a mi’ padre, che mi tien sì magro, 
che tornare’ senza logro di Francia. 
     Trarl’un denai’ di man serìa più agro, 
la man di pasqua che si dà la mancia, 
che far pigliar la gru ad un bozzagro.