Rime (Angiolieri)/XXXIII - Io son sì altamente innamorato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXIII - Io son sì altamente innamorato

../XXXII - – Deh, bàstat’oggimai, per cortesia ../XXXIV - I’ ho tutte le cose ch’io non voglio IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
XXXIII - Io son sì altamente innamorato
XXXII - – Deh, bàstat’oggimai, per cortesia XXXIV - I’ ho tutte le cose ch’io non voglio

 
     Io son sì altamente innamorato,
a la mercé d’una donna e d’Amore,
ch’e’ non è al mondo re né imperadore,
a cui volessi io già cambiar mio stato:
     5ch’io amo quella, a cui Dio ha donato
tutto ciò che conviene a gentil core;
dunque, chi di tal donna è servidore
ben si può dir che ’n buon pianeto è nato.
     Ed ella ha ’l cor tanto cortese e piano
10inver’ di me, la mia gentile manza,
che, sua mercé, basciata li ho la mano.
     E sì mi diè ancor ferma speranza
che di qui a poco, se Dio mi fa sano,
io compierò di lie’ mia disïanza.