Rime (Angiolieri)/XXXVII - Qualunque ben si fa, naturalmente

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXVII - Qualunque ben si fa, naturalmente

../XXXVI - S’i’ non torni ne l’odïo d’Amore ../XXXVIII - Chi non sente d’Amor o tant’o quanto IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
XXXVII - Qualunque ben si fa, naturalmente
XXXVI - S’i’ non torni ne l’odïo d’Amore XXXVIII - Chi non sente d’Amor o tant’o quanto

 
     Qualunque ben si fa, naturalmente
nasce d’Amor, come del fiore el frutto,
ché Amor fa l’omo essere valente;
ancor fa più, ch’e’ nol trova sì brutto,
     5che per lui non si adorni a mantinente,
e non par esso poi, si ’l muta tutto;
dunque po’ dicer bene veramente:
che chi non ama sia morto, e distrutto.
     Ch’omo val tanto, quanto in sé ha bontate,
10e la bontà senza Amor non pò stare:
dunque ben ho eo usato vertate.
     Or va’, sonetto, senza dimorare,
a tutti innamorati e innamorate
e di’ lor che Becchina ti fa fare.