Rime (Bindo Bonichi)/Frammento in terza rima

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Frammento in terza rima di una Moraledi Bindo Bonichi

../Appendice ../Indice per ordine alfabetico IncludiIntestazione 25 agosto 2021 100% Da definire

Bindo Bonichi - Rime (XIV secolo)
Frammento in terza rima di una Moraledi Bindo Bonichi
Appendice Indice per ordine alfabetico
[p. 207 modifica]

TERZINE

[p. 208 modifica]


Di sulla impressione fatta in foglietto volante a Firenze nel 1860, or riveduta appositamente sul codice già del Convento della SS. Annunziata serbato nella Laurenziana, di num. 148 bis, car. 106 verso.


[p. 209 modifica]

BINDO BONICHI IN UNA SUA MORALE.


Della felicità del cielo, e come quì in terrra
non è fermezza niuna

     Per quattro tempi passa ogni creato:
Non ci ha fermezza nel terresto regno;
Chi va, chi vien, chi piange, e chi beato.
     Tutte l’umane cose sono in moto
Dal riso estremo nel pianto malegno:
Felice è chi da Dio non sta rimoto.
     E tu a me: Perchè questa fortuna,
Che ogni vertuoso pover vive,
E subito si perde ciò, che aduna;
     E veggio genti sanza umanitate
Spogliate di vertuti intellettive,
Che tutte le ricchezze a lor son date?
     Ed io a te: Or quì debbi sapere,
Che gran ricchezza non si può acquistare,
Ch’a Dio non spiaccia, quanto al mio parere
     L’uom, ch’ha vertù, del servir si disdegna
Questi guadagni e questo accumolare,
Abbiendo l’alma di vertute degna.