Rime (Dante)/LXXIV - L'altra notte mi venne una gran tosse

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Forese Donati

LXXIV - L'altra notte mi venne una gran tosse ../LXXIII - Chi udisse tossir la mal fatata ../LXXV - Ben ti faranno il nodo Salamone IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% letteratura

Dante Alighieri - Rime (XIII secolo)
LXXIV - L'altra notte mi venne una gran tosse
LXXIII - Chi udisse tossir la mal fatata LXXV - Ben ti faranno il nodo Salamone
Tenzone con Forese Donati
2. FORESE A DANTE

 
L’altra notte mi venne una gran tosse,
perch’i’ non avea che tener a dosso;
ma incontanente che fu dì, fui mosso
4per gir a guadagnar ove che fosse.

Udite la fortuna ove m’addosse:
ch’i’ credetti trovar perle in un bosso
e be’ fiorin coniati d’oro rosso;
8ed i’ trovai Alaghier tra le fosse,

legato a nodo ch’i’ non saccio ’l nome,
se fu di Salamone o d’altro saggio.
11Allora mi segna’ verso ’l levante:

e que’ mi disse: "Per amor di Dante,
scio’mi ". Ed i’ non potti veder come:
14tornai a dietro, e compie’ mi’ viaggio.