Rime (Dante)/XLIII - Lo vostro fermo dir fino ed orrato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLIII - Lo vostro fermo dir fino ed orrato

../XLII - Qual che voi siate, amico, vostro manto ../XLIV - Non canoscendo, amico, vostro nomo IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% letteratura

Dante Alighieri - Rime (XIII secolo)
XLIII - Lo vostro fermo dir fino ed orrato
XLII - Qual che voi siate, amico, vostro manto XLIV - Non canoscendo, amico, vostro nomo
Altre rime del tempo della Vita Nuova
3. DANTE DA MAIANO A DANTE ALIGHIERI

 
Lo vostro fermo dir fino ed orrato
approva ben ciò bon ch’om di voi parla,
ed ancor più, ch’ogni uom fora gravato
4di vostra loda intera nominarla;

che ’l vostro pregio in tal loco è poggiato,
che propiamente om nol poria contarla:
però qual vera loda al vostro stato
8crede parlando dar, dico disparla.

Dite ch’amare e non essere amato
ene lo dol che più d’Amore dole,
11e manti dicon che più v’ha dol maggio:

onde umil prego non vi sia disgrato
vostro saver che chiari ancor, se vole,
14se ’l vero, o no, di ciò mi mostra saggio.