Rime (Dante)/XLVII - Savere e cortesia, ingegno ed arte

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLVII - Savere e cortesia, ingegno ed arte

../XLVI - Amor mi fa sì fedelmente amare ../XLVIII - Se Lippo amico se' tu che mi leggi IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% letteratura

Dante Alighieri - Rime (XIII secolo)
XLVII - Savere e cortesia, ingegno ed arte
XLVI - Amor mi fa sì fedelmente amare XLVIII - Se Lippo amico se' tu che mi leggi
Altre rime del tempo della Vita Nuova
RISPOSTA DI DANTE ALIGHIERI A DANTE DA MAIANO

 
Savere e cortesia, ingegno ed arte,
nobilitate, bellezza e riccore,
fortezza e umiltate e largo core,
4prodezza ed eccellenza, giunte e sparte,

este grazie e vertuti in onne parte
con lo piacer di lor vincono Amore:
una più ch’altra ben ha più valore
8inverso lui, ma ciascuna n’ha parte.

Onde se voli, amico, che ti vaglia
vertute naturale od accidente,
11con lealtà in piacer d’Amor l’adovra,

e non a contastar sua graziosa ovra;
ché nulla cosa gli è incontro possente,
14volendo prender om con lui battaglia.