Rime (Dante)/XXI - Io mi senti' svegliar dentro a lo core

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXI - Io mi senti' svegliar dentro a lo core

../XX - Donna pietosa e di novella etate ../XXII - Tanto gentile e tanto onesta pare IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% letteratura

Dante Alighieri - Rime (XIII secolo)
XXI - Io mi senti' svegliar dentro a lo core
XX - Donna pietosa e di novella etate XXII - Tanto gentile e tanto onesta pare
Rime della Vita Nuova

 
Io mi senti’ svegliar dentro a lo core
un spirito amoroso che dormia:
e poi vidi venir da lungi Amore
4allegro sì, che appena il conoscia,

dicendo: "Or pensa pur di farmi onore";
e ’n ciascuna parola sua ridia.
E poco stando meco il mio segnore,
8guardando in quella parte onde venia,

io vidi monna Vanna e monna Bice
venire inver lo loco là ’v’io era,
11l’una appresso de l’altra maraviglia;

e sì come la mente mi ridice,
Amor mi disse: "Quell’è Primavera,
14e quell’ha nome Amor, sì mi somiglia".

[Vita Nuova XXIV 7-9]