Rime (Guittone d'Arezzo)/Ahi, che grave dannaggio e che noioso

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ahi, che grave dannaggio e che noioso

../Auda chi vole adessa il mio parere ../O donne mie, leale e buono amore IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Ahi, che grave dannaggio e che noioso
Auda chi vole adessa il mio parere O donne mie, leale e buono amore


[p. 219 modifica]

150

Il vizio è specialmente deplorevole in uomo di valore.


     Ahi, che grave dannaggio e che noioso
per un parvo pertuso
forte, ricca e gran nave perire,
e nobel terra più per un discuso!
5Ma oltr’anche gravoso
e dispiacente estim’, al meo sentire,
     de omo, in cui savere è copioso
e valor valoroso
in fare retto e piacentero dire,
10und’onor caro, orrato e grazioso
e amor amoroso
di part’onne ferea sor lui venire,
     e noioso alcun vizio in lui resede,
disorna e dicede
15onne suo bono, e ’l fa disagradito:
ciò è ch’ha e’ perito
pregi’ e onor del mondo. E chi che ’l vede,

[p. 220 modifica]

viso catuno laido è piò laidito
di quant’è ’l piò pulito:
20valor ove piò val, vizio piò el lede:
perché chi mei se crede,
mei se guardi non sia da vizio unito.