Rime (Guittone d'Arezzo)/Lussuria, tu di saggi' om matto fai

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lussuria, tu di saggi' om matto fai

../Avarizia tu meriti affanno ../Invidia, tu nemica a catun see IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Lussuria, tu di saggi' om matto fai
Avarizia tu meriti affanno Invidia, tu nemica a catun see


[p. 236 modifica]

178

La lussuria.


     Lussuria, tu di saggi’ om matto fai,
adultro cherco, e vil serv’om signore,
e tutto ’l secul quasi a male trai;
4piò de vizio altro e piò d’altr’hai vigore.
     Corpo ’nfermi, invegli, poder isfai
e tolli pregio e ben d’onni valore.
Speziale in cherc’e ’n donna, ove restai,
8affoga in onta onni lor ben e more.
     Ahi, che mercato ontoso e matto aviso,
Dio e sé dare e cos’onni sua bona
11per parva e brutta gioi, mest’a tormento!
     Ahi, che valente e coronato priso,
vincer te, e spezial gioven persona;
14e che ontosa, om saggio esserne vento!