Rime (Guittone d'Arezzo)/O grave, o fellonesco, o periglioso

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
O grave, o fellonesco, o periglioso

../Ahi, che bon m'è vedere ben patiente ../O tracoitata e forsennata gente IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
O grave, o fellonesco, o periglioso
Ahi, che bon m'è vedere ben patiente O tracoitata e forsennata gente


[p. 234 modifica]

173

Quanto è grave il peccato!.


     O grave, o fellonesco, o periglioso
sovra d’onni nemico, reo peccato;
o mortal piò penal o’ piò gioioso,
4e più tramatto forte o’ piò sennato;
     o dove accatti piò via piò dannoso,
e unito più troppo u’ più pregiato;
o dove piò sigur piò temoroso,
8e guerra maggio o’ piò de pac’hai stato;
     o tu inferno sol d’angeli e d’omo,
nemico tutto, struggimento e morte
11di tutta affatto la natura umana!
     O noi orbati e forsennati, como
desián te, poi ben tec’è reo forte
14e, for te, noi onni cosa è sana?