Rime (Guittone d'Arezzo)/Omo fallito, plen de van penseri

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Omo fallito, plen de van penseri

../Vostro saggio parlar, ch'è manifesto ../A te, Montuccio, ed agli altri, il cui nomo IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Omo fallito, plen de van penseri
Vostro saggio parlar, ch'è manifesto A te, Montuccio, ed agli altri, il cui nomo


[p. 265 modifica]

236

L’uomo stolto non pensa che per un giorno di bene va incontro al pianto eterno.


     Omo fallito, plen de van penseri,
come ti po lo mal tanto abellire?
Dignitate, ricchezza e pompa cheri?
4soperbia e delettanza vòi seguire?
     No ti remembra che come coreri
se’ in questo mondo pleno di fallire?
morendo veggio par che nascessi ieri:
8nulla ne porti e no sai ove gire.
     Or donqua che no pensi en te stessi
che badi aver un giorno benenanza
11per esser mille tristo e tormentoso?
     Come terresti folle che prendessi
aver un punto ben ed allegranza,
14per aver planto eterno e doloroso!