Rime (Guittone d'Arezzo)/Tutt'el maggiore bono amistà sia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Tutt'el maggiore bono amistà sia

../Mastro Bandin, se mai dett'ho d'amore ../Giudice Gherardo, ah me, che stroppo IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Tutt'el maggiore bono amistà sia
Mastro Bandin, se mai dett'ho d'amore Giudice Gherardo, ah me, che stroppo


[p. 258 modifica]

222

Importa considerare con chi si stringe amicizia.


     Tutt’el maggiore bono amistá sia
che la natura umana in terra tegna,
non poco giá, ma molt’om guardar dia
4con quale far lui amistá convegna.
     Ché, como nemistá, è quasi ria
onni amistá ch’a om non bono vegna;
e, fatta, tegno el mantener follia;
8e bel partir saver, saver desegna.
     Non donque vergogn’om bel desusarla,
ché non vergogna giá, ma pregio apporta:
11vergogni ben chi mal provide in farla.
     Laudo te ch’hai me sí amistá torta,
ma non nemistá sembri; almen mi parla
14e, in loco d’amor, cortesia porta.