Rime (Meo de' Tolomei)/1 - I' son sì magro, che quasi traluco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
I’ son sì magro, che quasi traluco

../2 - Mie madre disse l’altrier parol’una IncludiIntestazione 20 maggio 2009 75% Sonetti

Meo de' Tolomei - Rime (XIII secolo)
I’ son sì magro, che quasi traluco
2 - Mie madre disse l’altrier parol’una

 
     I’ son sì magro, che quasi traluco,
de la persona, ma più de l’avere;
amico né parente ho, che vedere
mi voglia, sol per ch’or non vesto il luco;
     5e già del mi’ poco i’ me ne conduco,
ch’è viver di speranza ch’ho d’avere:
e di quel tempo avess’io de le pere,
ch’i mei non me terranno così bruco!
     Esser ho ricco, e ’l modo saper parmi:
10mia madre, Ciampolino e ’l Zeppa tanto
per me guadagnan, che non ho ch’a starmi.
     Or mi rendessen del mi’ pur arquanto!
Ché tutti tre, en ben assottigliarmi,
son Padre e Figlio, con Spirito santo.