Rime (Michelangelo)/129. Da maggior luce e da più chiara stella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
129. Da maggior luce e da più chiara stella

../128. Se 'l timor della morte ../130. Non è senza periglio IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

129. Da maggior luce e da più chiara stella
128. Se 'l timor della morte 130. Non è senza periglio
[p. 71 modifica]

 
  Da maggior luce e da più chiara stella
la notte il ciel le sue da lunge accende:
te sol presso a te rende
ognor più bella ogni cosa men bella.
Qual cor più questa o quella5
a pietà muove o sprona,
c’ognor chi arde almen non s’agghiacc’egli?
Chi, senza aver, ti dona
vaga e gentil persona
e ’l volto e gli occhi e ’ biondi e be’ capegli.10
Dunche, contr’a te quegli
ben fuggi e me con essi,
se ’l bello infra ’ non begli
beltà cresce a se stessi.
Donna, ma s’ tu rendessi15
quel che t’ha dato il ciel, c’a noi l’ha tolto,
sarie più ’l nostro, e men bello il tuo volto.