Rime (Michelangelo)/58. Se l'immortal desio, c'alza e corregge

Da Wikisource.
58. Se l'immortal desio, c'alza e corregge

../57. S'i' vivo più di chi più m'arde e cuoce ../59. S'un casto amor, s'una pietà superna IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

58. Se l'immortal desio, c'alza e corregge
57. S'i' vivo più di chi più m'arde e cuoce 59. S'un casto amor, s'una pietà superna

 
  Se l’immortal desio, c’alza e corregge
gli altrui pensier, traessi e’ mie di fore,
forse c’ancor nella casa d’Amore
farie pietoso chi spietato regge.
  Ma perché l’alma per divina legge5
ha lunga vita, e ’l corpo in breve muore,
non può ’l senso suo lode o suo valore
appien descriver quel c’appien non legge.
  Dunche, oilmè! come sarà udita
la casta voglia che ’l cor dentro incende10
da chi sempre se stesso in altrui vede?
  La mie cara giornata m’è impedita
col mie signor c’alle menzogne attende,
c’a dire il ver, bugiardo è chi nol crede.