Rime (Morra)/Sacra Giunone, se i volgari amori

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sacra Giunone, se i volgari amori

../I fieri assalti di crudel Fortuna ../D'un alto monte onde si scorge il mare IncludiIntestazione 18 settembre 2008 75% poesie

Isabella Morra - Rime (XVI secolo)
Sacra Giunone, se i volgari amori
I fieri assalti di crudel Fortuna D'un alto monte onde si scorge il mare

 
Sacra Giunone, se i volgari amori
son de l’alto tuo cor tanto nemici,
i giorni e gli anni miei chiari felici
fa’ con tuoi santi e ben concessi ardori. 4

A voi consacro i miei verginei fiori,
a te, o dea, e ai tuoi pensieri amici,
o de le cose sola alme beatrici,
che colmi il ciel de’ tuoi soavi odori.8

Cingimi al collo un bello aurato laccio
de’ tuo’ più cari ed umili soggetti,
che di servir a te sola procaccio.11

Guida Imeneo con sì cortesi affetti
e fa’ sì caro il nodo ond’io mi allaccio,
ch’una sola alma regga i nostri petti.14