Rime (Stampa)/Rime d'amore/CCVI

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CCVI

../CCV ../CCVII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CCV Rime d'amore - CCVII

[p. 111 modifica]

CCVI

Sullo stesso argomento.

     Canta tu, musa mia, non piú quel volto,
non piú quegli occhi e quell’alme bellezze,
che ’l senso mal accorto par che prezze,
in quest’ombre terrene impresso e involto;
     ma l’alto senno in saggio petto accolto,
mille tesori e mille altre vaghezze
del conte mio, e tante sue grandezze,
ond’oggi il pregio a tutti gli altri ha tolto.
     Or sarà il tuo Castalio e ’l tuo Parnaso
non fumo ed ombra, ma leggiadra schiera
di virtú vere, chiuse in nobil vaso.
     Quest’è via da salir a gloria vera,
questo può farti da l’orto a l’occaso
e di verace onor chiara ed altera.