Rime (Stampa)/Rime d'amore/CCXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CCXIV

../CCXIII ../CCXV IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CCXIII Rime d'amore - CCXV

[p. 115 modifica]

CCXIV

L’antico amore s’attraversa al nuovo, nella memoria.

     La piaga, ch’io credea che fosse salda
per la omai molta assenzia e poco amore
di quell’alpestro ed indurato core,
freddo piú che di neve fredda falda,
     si desta ad or ad ora e si riscalda,
e gitta ad or ad or sangue ed umore;
sí che l’alma si vive anco in timore,
ch’esser devrebbe omai sicura e balda.
     Né, perché cerchi agiunger novi lacci
al collo mio, so far che molto o poco
quell’antico mio nodo non m’impacci.
     Si suol pur dir che foco scaccia foco;
ma tu, Amor, che ’l mio martir procacci,
fai che questo in me, lassa, or non ha loco.