Rime (Stampa)/Rime d'amore/CCXXXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CCXXXI

../CCXXX ../CCXXXII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CCXXX Rime d'amore - CCXXXII

[p. 125 modifica]

CCXXXI

Soffre pene piú che d’inferno.

     Le pene de l’inferno insieme insieme,
appresso il mio gran foco,
tutte son nulla o poco;
perch’ove non è speme
l’anima risoluta al patir sempre
s’avezza al duol, che mai non cangia tempre.
La mia è maggior noia,
perché gusto talor ombra di gioia
mercé de la speranza;
e questa varia usanza
di gioir e patire
fa maggior il martire.