Rime (Stampa)/Rime d'amore/CLXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CLXVII

../CLXVI ../CLXVIII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CLXVI Rime d'amore - CLXVIII

[p. 92 modifica]

CLXVII

S’egli è stanco di lei, ella vuol morire o scordarlo.

     Poi che disia cangiar pensiero e voglia
l’empio signor, ch’onoro ed amo tanto,
senza curar de’ fiumi del mio pianto,
e del mancar de la mia frale spoglia,
     io prego morte, che di qua mi toglia,
perché non abbia questo crudo il vanto;
o prego Amor, che mi rallenti alquanto,
poi che de’ doni suoi tutta mi spoglia;
     sí che o morta non vegga tanto danno,
o viva e sciolta non lo stimi molto,
allor che gli occhi altro mirar sapranno.
     Dunque o sia falso il mio temere e stolto,
o resti sciolta al rinovar de l’anno,
o queti il corpo in bel marmo sepolto.