Rime (Stampa)/Rime d'amore/CLXXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CLXXI

../CLXX ../CLXXII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CLXX Rime d'amore - CLXXII

[p. 94 modifica]

CLXXI

S’egli la tradisce, a lei resta la memoria del diletto provato.

     Voi potete, signor, ben tôrmi voi
con quel cor d’indurato diamante,
e farvi d’altra donna novo amante:
di che cosa non è, che piú m’annoi;
     ma non potete già ritôrmi poi
l’imagin vostra, il vostro almo sembiante,
che giorno e notte mi sta sempre innante,
poi che mi fece Amor de’ servi suoi;
     non potete ritôrmi quei desiri,
che m’acceser di voi sí caldamente,
il foco, il pianto, che per gli occhi verso.
     Questi mi fien ne’ miei gravi martiri
dolce sostegno, e la memoria ardente
del diletto provato, c’han disperso.