Rime (Stampa)/Rime d'amore/CXXXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CXXXIX

../CXXXVIII ../CXL IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CXXXVIII Rime d'amore - CXL

[p. 78 modifica]

CXXXIX

Dello stesso argomento.

     Fiume, che dal mio nome nome prendi,
e bagni i piedi a l’alto colle e vago,
ove nacque il famoso ed alto fago,
de le cui fronde alto disio m’accendi,
     tu vedi spesso lui, spesso l’intendi,
e talor rendi la sua bella imago;
ed a me che d’altr’ombra non m’appago,
cosí sovente, lassa, lo contendi.
     Pur, non ostante che la nobil fronde,
ond’io piansi e cantai con piú d’un verso,
la tua mercé, si spesso lo nasconde,
     prego ’l ciel ch’altra pioggia o nembo avverso
non turbi, Anasso, mai le tue chiar’onde,
se non quel sol che da quest’occhi verso.