Rime (Stampa)/Rime d'amore/LXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

LXI

../LX ../LXII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - LX Rime d'amore - LXII

[p. 35 modifica]

LXI

Chi la conforterà, quand’egli sia partito?

     Chi mi darà soccorso a l’ora estrema,
che verrà morte a trarmi fuor di vita
tosto, dopo l’acerba dipartita,
onde fin d’ora il cor paventa e trema?
     Madre e sorella no, perché la téma
questa e quella a dolersi meco invita,
e poi per prova omai la lor aita
non giova a questa doglia alta e suprema.
     E le vostre fidate amiche scorte,
che di giovarmi avriano sole il come,
saran lontane in quella altera corte.
     Dunque i’ porrò queste terrene some
senza conforto alcun, se non di morte,
sospirando e chiamando il vostro nome.