Rime (Stampa)/Rime d'amore/LXXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

LXXIV

../LXXIII ../LXXV IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - LXXIII Rime d'amore - LXXV

[p. 43 modifica]

LXXIV

L’amore, che le dà i tormenti, le dà il modo di descriverli.

     La gran sete amorosa che m’afflige,
la memoria del ben onde son priva,
che mi sta dentro al cor tenace e viva,
sí che null’altra piú forte s’affige,
     sovra ogni forza mia move et addige
la vena mia per sé muta e restiva,
e fa che ’n queste carte adombri e scriva
quanto aspramente Amor m’arde e trafige.
     Chi fa qual noi parlar la muta pica?
chi ’l nero corvo e gli altri muti uccelli?
La brama sol di quel che li nutrica.
     Però s’avien ch’io scriva e ch’io favelli,
narrando l’amorosa mia fatica,
non sono io no, son gli occhi vaghi e belli.