Rime (Stampa)/Rime d'amore/V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

V

../IV ../VI IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - IV Rime d'amore - VI
[p. 7 modifica]

V

Comparazione.

     Io assimiglio il mio signor al cielo
meco sovente. Il suo bel viso è ’l sole;
gli occhi, le stelle; e ’l suon de le parole
è l’armonia, che fa ’l signor di Delo.
     Le tempeste, le piogge, i tuoni e ’l gelo
son i suoi sdegni, quando irar si suole;
le bonacce e ’l sereno è quando vuole
squarciar de l’ire sue benigno il velo.
     La primavera e ’l germogliar de’ fiori
è quando ei fa fiorir la mia speranza,
promettendo tenermi in questo stato.
     L’orrido verno è poi, quando cangiato
minaccia di mutar pensieri e stanza,
spogliata me de’ miei più ricchi onori.