Rime (Stampa)/Rime d'amore/XLVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

XLVIII

../XLVII ../XLIX IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - XLVII Rime d'amore - XLIX

[p. 29 modifica]

XLVIII

Lontana da lui, vive nel pianto.

     Come l’augel, ch’a Febo è grato tanto,
sovra Meandro, ove suol far soggiorno,
quando s’accosta il suo ultimo giorno,
move piú dolci le querele e ’l canto,
     tal io, lontana dal bel viso santo,
sovra il superbo d’Adria e ricco corno,
morte, téma ed orror avendo intorno,
affino, lassa, le querele e ’l pianto.
     E sono in questo a quell’uccel minore:
che per quella, onde venne, istessa traccia
ritorna a Febo il suo diletto olore;
     ed io, perché morendo mi disfaccia,
non pur non torno a star col mio signore,
ma temo che di me tutto gli spiaccia.