Rime (Stampa)/Rime d'amore/XXXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

XXXVI

../XXXV ../XXXVII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - XXXV Rime d'amore - XXXVII

[p. 23 modifica]

XXXVI

Perchè non è mite e clemente con lei?

     Cesare e Ciro, i vostri fidi spegli,
in cui mai sempre, signor, vi mirate,
poi ch’a seguir le lor chiare pedate
par che ciascun di lor v’infiammi e svegli,
     perché, si come è stato questi e quegli
essempio di clemenzia e di pietate,
solo in questa virtú v’allontanate
da que’ due chiari ed onorati vegli?
     Perché non séte voi mite e clemente
a me vostra prigion, vostra fattura,
come fur essi a l’acquistata gente?
     Anzi forse voi séte di natura
mite con tutti, e meco solamente
d’aspra e spietata. Oh mia somma sventura!