Rime (Stampa)/Rime d'amore/XXXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

XXXVIII

../XXXVII ../XXXIX IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - XXXVII Rime d'amore - XXXIX

[p. 24 modifica]

XXXVIII

Ogni suo pensiero vola al luogo dov’egli dimora, lontano da lei

     Qualunque dal mio petto esce sospiro,
ch’escono ad or ad or ardenti e spessi
dal dí che per mio sole gli occhi elessi,
ch’a prima vista a morte mi ferirò,
     vanno verso il bel colle, ove pur miro,
benché lontana, e vanno anche con essi
i miei pensieri e tutti i sensi stessi;
né vai s’io li ritengo o li ritiro,
     perché la propria loro e vera stanza
son que’ begli occhi e quella alma beltade,
che prima mi destâr la desianza.
     O pur sieno ivi accolti da pietade!
di che non spero, poi che per usanza
vi suol sempre aver luogo crudeltade.