Rime (Stampa)/Rime varie/CCCV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime varie

CCCV

../CCCIV ../CCCVI IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime varie - CCCIV Rime varie - CCCVI

[p. 180 modifica]

CCCV

Sullo stesso argomento.

     Quelle piaghe profonde e l’acqua e ’l sangue,
che nel tuo corpo glorioso io veggio,
Signor, che, sceso dal celeste seggio,
per vita al mondo dar restasti essangue,
     che nel mio cor, che del fallir suo langue,
vogli imprimer omai per grazia chieggio.
sì ch’al fin del viaggio, che far deggio,
non trionfi di me l’inimico angue.
     Scancella queste piaghe d’amor vano,
che m’hanno quasi già condotta a morte,
pur rimirando un bel sembiante umano.
     Aprimi omai del regno tuo le porte,
e per salir a lui dammi la mano;
perché a ciò far non giovano altre scorte.