Rime (Stampa)/Rime varie/CCLXXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime varie

CCLXXV

../CCLXXIV ../CCLXXVI IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime varie - CCLXXIV Rime varie - CCLXXVI

[p. 158 modifica]

CCLXXV

A Leonardo Emo.

     Qual a pieno potrà mai prosa o rima
la vostra cortesia lodar e l’arte,
quella, ch’a me di lode dà tal parte,
questa, ch’orna ed illustra il nostro clima?
     Voi sète sol, signor, se ’l ver si stima,
cui altri non pareggia; in voi ha sparte
le grazie il ciel, ch’altrove non comparte
in questa nostra etade o ne la prima.
     Voi sète il Sol, ch’ogn’altra luce avanza;
da voi si prende qualitate e lume
e tutto quel di ben, che splende in nui.
     Felice me, poi c’ho trovato stanza
ne la vostra memoria, per costume
usa a far viver dopo morte altrui.