Rime e ritmi/La moglie del gigante

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La moglie del gigante

../Esequie della guida E.R. ../Per il monumento di Dante a Trento IncludiIntestazione 1 febbraio 2012 100% Da definire

Esequie della guida E.R. Per il monumento di Dante a Trento


[p. 1005 modifica]


LA MOGLIE DEL GIGANTE1


il nettuno


Bianchi verni, estati ardenti,
Quante mai pesâr su me!
Trapassar maree di genti
4Vidi e nuvole di re.

Bella mia, dal fondo algoso
Del mar nostro vieni su!
In te vuole il suo riposo
8La mia bronzea gioventú.

la sirena


Dal confin che il sol rallegra
Qual mai voce risonò?
Di quest’acque immense l’egra
12Solitudin lascerò.

[p. 1006 modifica]

O tu azzurro il crine e il dosso
Bel cavallo, a me, a me!
Vo’ vedere il sole rosso
16E la faccia del mio re.

il nettuno


Il mio petto si confonde
Di lassezza e di desir.
Bella mia, per le glauche onde
20Non ti sento anche salir?

Bella mia, quando in ciel dorme
La caligine lunar
Ne la veglia de le forme
24Ci vogliamo disposar.

la sirena


Ahi, mio re! l’informe eterno
Demogorgone non vuol,
E la tenebra d’inferno
28Mi sorprende in faccia al sol.

Ahi, mio re! la tua carezza
Chiedo in van, son tratta giú;
E fu in van la mia bellezza
32Com’è in van la tua virtú.



Note

  1. [p. 1059 modifica]Cosí il popolo, poeta eterno quando non guasto da’ maestri, ha cominciato a chiamare la “Sirena„, scolpita da Diego Sarti per la fontana della Montagnola [1896].