Salmi (Diodati 1821)/capitolo 42

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../ capitolo_41

../capitolo_43 IncludiIntestazione 10 aprile 2012 75% Da definire

capitolo 41 capitolo 43

[p. 478 modifica]

SALMO 42.

Il Salmista bramoso di servire Iddio nel suo Tempio.

Maschil de’ figliuoli di Core, dato al Capo de’ Musici.

1 COME il cervo agogna i rivi dell’acque, così l’anima mia agogna te, o Dio.

2 L’anima mia è assetata di Dio, dell’Iddio vivente1. Quando verrò, e comparirò io nel cospetto di Dio?

3 Le mie lagrime sono il mio cibo giorno e notte, mentre mi è detto tuttodì: Dove è il tuo Dio?

4 Io mi verso addosso l’anima mia quando mi riduco in memoria queste cose; che io passava in ischiera, e camminava con essa infino alla Casa di Dio, con voce di canto e di lode, la moltitudine facendo festa.

5 Anima mia, perchè ti abbatti, e ti commovi in me? aspetta Iddio; perciocchè ancora lo celebrerò; il suo aspetto è compiuta salvezza.

6 O Dio mio, l’anima mia si abbatte in me; perciò mi ricordo di te dal paese del Giordano, e da’ monti di Hermon, dal monte Misar.

7 Un abisso chiama l’altro abisso, al suon de’ tuoi canali2; tutti i tuoi flutti e le tue onde mi son passate addosso.

8 Il Signore di giorno manderà la sua benignità, e di notte io avrò appo me i suoi cantici, ed orazione all’Iddio della mia vita.

9 Io dirò a Dio, mia Rocca: Perchè mi hai tu dimenticato? perchè vo io attorno vestito a bruno, per l’oppression del nemico?

10 I miei nemici mi fanno onta, trafiggendomi fino all’ossa, mentre mi dicono tuttodì: Dove è il tuo Dio?

11 Anima mia, perchè ti abbatti, e perchè ti commovi in me? Aspetta Iddio; perciocchè ancora lo celebrerò; egli è la compiuta salvezza della mia faccia, e il mio Dio.