Secondo libro di Samuele (Diodati 1821)/capitolo 5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../capitolo 4

../capitolo 6 IncludiIntestazione 27 febbraio 2012 75% Da definire

capitolo 4 capitolo 6

[p. 270 modifica]

Davide, riconosciuto re da tutto Israele, prende Gerusalemme e sconfigge i Filistei.

5
  ALLORA tutte le tribù d’Israele vennero a Davide in Hebron1, e gli dissero così: Ecco, noi siamo tue ossa e tua carne.

2  Ed anche per addietro, mentre Saulle era re sopra noi, tu eri quel che conducevi Israele fuori e dentro. E il Signore ti ha detto: Tu pascerai il mio popolo Israele, e sarai il conduttore sopra Israele.

3  Così tutti gli Anziani d’Israele vennero al re, in Hebron; e il re Davide patteggiò con loro in Hebron, in presenza del Signore. Ed essi unsero Davide per re sopra Israele.

4  Davide era d’età di trent’anni, quando cominciò a regnare, e regnò quarant’anni.

5  In Hebron regnò sopra Giuda sette anni e sei mesi; ed in Gerusalemme regnò trentatrè anni sopra tutto Israele e Giuda.

6  Ora il re andò, con la sua gente, in Gerusalemme, contro ai Gebusei che abitavano nel paese2; ed essi dissero a Davide: Tu non entrerai qua entro, che tu non ne abbia cacciati i ciechi e gli zoppi; volendo dire: Davide non entrerà mai qua entro.

7  Ma Davide prese la fortezza di Sion, che è la città di Davide.

8  E Davide disse in quel dì: Chiunque percoterà i Gebusei, e perverrà fino al canale, ed a que’ ciechi e zoppi, i quali l’anima di Davide odia, sarà capitano3: perciò si dice: Nè cieco nè zoppo non entrerà in questa casa.

9  E Davide abitò in quella fortezza, e le pose nome: La Città di Davide. E Davide edificò d’intorno dal terrapieno in dentro.

10  E Davide andava del continuo crescendo, e il Signore Iddio degli eserciti era con lui.

11  Ed Hiram, re di Tiro, mandò a Davide ambasciatori4, e legname di cedri, e legnaiuoli, e scarpellini, i quali edificarono una casa a Davide.

12  E Davide conobbe che il Signore l’aveva stabilito re sopra Israele, e ch’egli avea innalzato il suo regno, per amor del suo popolo Israele.

13  E Davide prese ancora delle concubine, e delle mogli di Gerusalemme5, dopo ch’egli fu venuto di Hebron; e nacquero ancora a Davide altri figliuoli e figliuole.

14  E questi sono i nomi di quelli che gli nacquero in Gerusalemme6: Sammua, e Sobab, e Natan, e Salomone;

15  E Ibhar, ed Elisua, e Nefeg, e Iafia;

16  Ed Elisama, ed Eliada, ed Elifelet.

17  Ora, quando i Filistei ebbero inteso che Davide era stato unto per re sopra Israele, salirono tutti per cercarlo7. E Davide, avendolo udito, discese alla fortezza.

18  Ed i Filistei vennero, e si sparsero nella valle de’ Rafei.

19  Allora Davide domandò il Signore8, dicendo: Salirò io contro a’ Filistei? me li darai tu nelle mani? E il Signore disse a Davide: Sali; perciocchè io del tutto ti darò i Filistei nelle mani.

20  Davide adunque venne in Baal-perasim, e quivi li percosse; poi disse: Il Signore ha rotti i miei nemici davanti a me a guisa d’un trabocco d’acque; perciò pose nome a quel luogo Baal-perasim9.

21  Ed i Filistei lasciarono quivi i loro idoli, i quali Davide e la sua gente tolsero via.

22  Poi i Filistei salirono di nuovo, e si sparsero nella valle de’ Rafei.

23  E Davide domandò il Signore, il quale gli disse: Non salire; gira dietro [p. 271 modifica]a loro, e vienli ad incontrare dirincontro a’ gelsi.

24  E quando tu udirai un romor di calpestío sopra le cime de’ gelsi, allora moviti; perciocchè allora il Signore sarà uscito davanti a te, per percuotere il campo de’ Filistei.

25  Davide adunque fece così, come il Signore gli avea comandato; e percosse i Filistei, da Gheba fino in Ghezer.