Io nol vedrò, poichè il cangiato aspetto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quirico Rossi

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Io nol vedrò, poichè il cangiato aspetto Intestazione 6 febbraio 2022 100% Da definire


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri


[p. 367 modifica]

QUIRICO ROSSI.1


Io nol vedrò, poichè il cangiato aspetto
     E la vita, che sento venir meno,
     Mi diparte dal dolce aer sereno,
     Nè mi riserba al sanguinoso obbietto.
5Ma tu, Donna, vedrai questo diletto
     Figlio, che stringi vezzeggiando al seno,
     D’onte di strazi e d’amarezza pieno
     Spietatamente lacerato il petto.
Che fia allor, che fia, quando tal frutto
     10Corrai dall’arbor sospirata? Oh quanto
     Si prepara per te dolore e lutto!
Così largo versando amaro pianto
     Il buon vecchio dicea: con ciglio asciutto
     Maria si stava ad ascoltarlo intanto.

Note

  1. Il vecchio Simeone a Maria.